LANGUAGE

Per navigare sul sito di Perlage Le BioBollicine
devi avere più di 18 anni.

Inserisci la tua data di nascita:

Giorno

Mese

Anno

Ricorda la mia data di nascita*

*Non spuntare se altre persone usano questo computer
Cliccando sul flag “ricorda la mia data di nascita” si acconsente
a ricevere un cookie come da policy privacy

CONFERMA

Bevi responsabilmente!

L'età minima per bere alcolici è di 18 anni secondo quanto previsto dalla legislazione italiana.

Per navigare sul sito di Perlage Le BioBollicine devi avere più di 18 anni.

Sei maggiorenne?

SI

NO

Bevi responsabilmente!

L'età minima per bere alcolici è di 18 anni secondo quanto previsto dalla legislazione italiana.

13 Maggio 2019 Consigli e Info / Viaggi

Bandiere Blu 2019: sono 385 le spiagge più belle d’Italia

12 le new entry di quest’anno: Villalago (L’Aquila) sul lago di Scanno, Pisticci (Matera), San Nicola Arcella (Cosenza), Villapiana (Cosenza), Anzio (Roma), Imperia, Riva Ligure (Imperia), Sanremo (Imperia), Gabicce (Pesaro Urbino), Maruggio (Taranto), Sant’Antioco (Carbonia Iglesias), Pozzallo (Ragusa). La Liguria è in testa con 30 Bandiere Blu, segue la Toscana con 19 località. Insomma, non occorre raggiungere mete lontane, anche l’Italia è un Paese dalle spiagge paradisiache!

La Bandiera Blu è il riconoscimento assegnato dalla Fee (Foundation for Environmental Education) e per poterla piantare su uno o più tratti di costa è certamente fondamentale avere l’acqua pulita, ma bisogna ottenere buoni punteggi anche in altri 32 indicatori che vengono aggiornati periodicamente. Tra questi, molti sono i punti da soddisfare in merito ad educazione ambientale ed informazione.

Per far sì che le spiagge più belle d’Italia continuino ad essere tali, quindi è indispensabile e nostro dovere approcciarci al turismo in maniera eco-consapevole.

Quali sono le buone (e semplici!) pratiche da tenere a mente?
– Arrivare alla località balneare con i mezzi pubblici, anzichè utilizzare la propria auto. Meno inquinamento e meno congestionamento
– Raggiungere le spiagge pedalando o camminando
– Pranzare o cenare nei locali tipici del luogo, prediligendo coloro che utilizzano prodotti a Km zero e piatti della tradizione
– Se decidi di fare un pic nic in spiaggia, ricordati di portare via le immondizie (anche i mozziconi di sigaretta!) e di seguire la raccolta differenziata

Un’altra cosa importante la puoi sicuramente fare: se sei amante delle lunghe passeggiate sul bagnasciuga, porta con te una borsa vuota e un paio di guanti, lungo la strada potresti trovare qualche rifiuto da portare via e gettare nel cestino. Utilizza l’hashtag #spiaggepulite per documentare il bottino che recupererai. Informati sul luogo di villeggiatura se ci sono associazioni che hanno organizzato qualche giornata di raccolta dei rifiuti in spiaggia, consulta anche Legambiente o WWF.

vini biologici e vegani

shop online

Close