LANGUAGE

Per navigare sul sito di Perlage Le BioBollicine
devi avere più di 18 anni.

Inserisci la tua data di nascita:

Giorno

Mese

Anno

Ricorda la mia data di nascita*

*Non spuntare se altre persone usano questo computer
Cliccando sul flag “ricorda la mia data di nascita” si acconsente
a ricevere un cookie come da policy privacy

CONFERMA

Bevi responsabilmente!

L'età minima per bere alcolici è di 18 anni secondo quanto previsto dalla legislazione italiana.

Per navigare sul sito di Perlage Le BioBollicine devi avere più di 18 anni.

Sei maggiorenne?

SI

NO

Bevi responsabilmente!

L'età minima per bere alcolici è di 18 anni secondo quanto previsto dalla legislazione italiana.

25 Settembre 2020 Consigli e Info / Curiosità / Mondo Bio / Sostenibilità

Food forest – Dall’orto tradizionale all’ecosistema foresta

Si sente parlare sempre più spesso di food forest o foresta commestibile ma cos’è di preciso?

Il pioniere fu l’inglese Mr. Robert Adrian de Jauralde Hart che a metà del XX secolo iniziò a lavorare sul concetto di food forest. In Italia questa tecnica di coltivazione sostenibile viene chiama foresta giardino, foresta commestibile oppure orto-bosco.

La food forest è pensata come una coltivazione sostenibile, multi funzionale e a bassa manutenzione. Prendendo a modello l’ecosistema foresta, l’area prescelta viene coltivata a più strati: erbaceo, arbustivo e arboreo. Al primo posto troviamo gli alberi da frutto poi a seguire gli arbusti di bacche commestibili ed infine le piante perenni e annuali.

Quest’ecosistema ha la capacità di generare cibo, in sinergia con le piante spontanee e gli animali che vivono quel particolare habitat. Di fatto, la food forest è un’evoluzione sostenibile dell’orto tradizionale che si trasforma quindi in sistema di coltivazione perenne, stabile e soprattutto ‘autofertile’.

E’ un luogo di sperimentazione dove poter coltivare piante tradizionali e poter azzardare abbinamenti con piante inconsuete.

Gli aspetti positivi di una foresta commestibile sono svariati, due sono i principali: l’armonia che si viene a creare tra uomo e natura, la razionalizzazione delle risorse. Coltivare una foresta commestibile permette di ottenere cibo per noi e per gli animali che la abitano, permette inoltre d’incrementare la biodiversità creando un microclima particolare e producendo ossigeno, contrastando l’erosione e ottimizzando risorse come materiale organico, acqua e minerali.

Come ultima cosa, non dimentichiamo un altro effetto positivo di questa pratica: il beneficio psicofisico. Tutti sappiamo che il contatto con la natura regala sensazioni positive e di benessere; per questo motivo la food forest ha preso anche il nome di forestasì.

 

vini biologici e vegani

shop online

Close