LANGUAGE

Per navigare sul sito di Perlage Le BioBollicine
devi avere più di 18 anni.

Inserisci la tua data di nascita:

Giorno

Mese

Anno

Ricorda la mia data di nascita*

*Non spuntare se altre persone usano questo computer
Cliccando sul flag “ricorda la mia data di nascita” si acconsente
a ricevere un cookie come da policy privacy

CONFERMA

Bevi responsabilmente!

L'età minima per bere alcolici è di 18 anni secondo quanto previsto dalla legislazione italiana.

Per navigare sul sito di Perlage Le BioBollicine devi avere più di 18 anni.

Sei maggiorenne?

SI

NO

Bevi responsabilmente!

L'età minima per bere alcolici è di 18 anni secondo quanto previsto dalla legislazione italiana.

18 Settembre 2019 Curiosità / Sostenibilità / Tutti

Perché le api sono importanti per il nostro pianeta?

L’opinione pubblica parla spesso di tutela delle biodiversità, alcune specie, infatti, determinerebbero una terribile ed irreparabile perdita se si estinguessero del tutto. Una delle specie preziose e fondamentali per il nostro ecosistema sono le api.
L’Ape fa parte della famiglia delle Apidi, dell’ordine degli Imenotteri e come tutti gli insetti possiede sei zampe ed ha il corpo diviso in tre parti: capo, torace e addome. Il suo apparato boccale è strutturato in modo che non abbia difficoltà a raccogliere i liquidi che, tramite la faringe, mescola al secreto delle ghiandole salivari. Una volta entrati nella borsa melaria, subiscono l’azione degli enzimi della saliva che cambia il nettare in miele. Oltre ai liquidi è indispensabile anche il polline, che viene raccolto ed immagazzinato soprattutto nelle zampe.
Questa specie, come noto, vive nell’alveare, che può contenere fino a ben 100.000 api operaie. La società delle api è matriarcale, si moltiplica per sciami ed è divisa in tre caste: regina, fuchi ed operaie. Queste piccole lavoratrici hanno una capacità di riproduzione velocissima, e anche se hanno vita molto breve riescono a sfruttarla tutta fino in fondo, rendendosi utili per la società a cui appartengono.

Veniamo al punto…Lo sapete che questi animali così piccoli sono, per importanza economica, il terzo animale da reddito più importante del mondo?

Spesso pensiamo solamente al fatto che producano miele ma in realtà non fanno solo questo. Se stamattina avete mangiato un frutto, è merito di un’ape. Se bevete un frullato, se mangiate una marmellata, se bevete un succo di frutta, è perché c’è stata un’ape. Le api sono molto importanti per l’impollinazione! I fiori sono profumati e colorati proprio per attirare le api, in modo che entrando nel fiore l’ape si riempia di polline, che poi rilascia quando va a “visitare” i fiori successivi e avviene così la fecondazione della pianta e di conseguenza la nascita del frutto.

I preziosi insetti sono soggetti a patologie più o meno pericolose e hanno dei nemici naturali (non solo mammiferi, ma anche altri animali simili a loro) che possono creare danni agli alveari (oltre che all’ ape stessa).

Ci sono anche dei fattori ambientali ai quali bisogna fare attenzione: l’inquinamento dell’aria riduce la capacità che hanno le api di sentire il profumo dei fiori a molti metri di distanza; la diminuzione delle piante mellifere, magari sostituite con altre coltivazioni, ha portato a una significativa riduzione delle popolazioni.

Ci siamo chiesti cosa possiamo fare per salvaguardare questi piccoli animali? Ognuno di noi può dare un contributo..come?

Semplicemente tenendo qualche fiore sul davanzale della finestra o sul terrazzo della nostra casa, in ogni stagione ci sono varietà di piante che le api amano. Non sempre le piante più appariscenti sono anche quelle più ricche di polline, ed è importante organizzare il nostro giardino per poter dare sostentamento alle api anche quando l’ambiente circostante non offre molte possibilità. Alcune piante sono spontanee e magari noi le consideriamo “erbacce” nei nostri giardini, ma vedrete che molte saranno utili anche per noi!

Ecco alcune piante preferite dalle nostre amiche:

  • erica
  • tulipani
  • trifogli
  • tarassaco
  • piante aromatiche: salvia, rosmarino, erba cipollina, lavanda, timo, menta, melissa, basilico
  • tageti
  • calendula
  • fiordalisi
  • topinambur
  • girasoli
  • crisantemi

«Se l’ape scomparisse dalla faccia della terra, all’ uomo non resterebbero che quattro anni di vita». Questa frase attribuita a Einstein ci mette in guardia: senza il lavoro delle api e il processo di impollinazione le coltivazioni agrarie non avrebbero modo di proseguire e la nostra sopravvivenza sarebbe in pericolo. I fiori e la nostra natura vanno preservate come un bene unico e prezioso…non sottovalutiamo l’importanza degli animali, anche di quelli più piccoli.

vini biologici e vegani

shop online

Close